"Dopo di Noi" - Bando per l’accesso agli interventi a favore di persone con disabilità grave prive di sostegno familiare

Si pubblicano il testo del bando ed i moduli di adesione allo stesso.

Data:

17 February 2022

Immagine generica

Il bando in oggetto andrà ad interessare i cittadini residenti in uno dei comuni dell’Ambito Territoriale Alto Sebino:

Con disabilità grave:

  • non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità;
  • ai sensi dell’art. 3, comma 3 della Legge n. 104/1992, accertata nelle modalità indicata all’art. 4 della medesima legge;
  • di norma maggiorenni, con priorità a cluster specifici a seconda del tipo di sostegno;

Prive del sostegno familiare in quanto:

  • mancanti di entrambi i genitori;
  •  i genitori non sono in grado di fornire l’adeguato sostegno;
  • si considera la prospettiva del venir meno del sostegno familiare;

Nel caso di istanze provenienti da persone che presentino un quadro di natura clinica e comportamentale complesse, disturbi del comportamento o punteggi ADL/IADL e SIDI compatibili con una elevata intensità di sostegno, sarà necessario effettuare specifiche verifiche in sede di valutazione multidimensionale e di costruzione del progetto individuale, con il coinvolgimento diretto dei referenti dei servizi già impegnati a sostegno di dette persone. In caso di cittadinanza extra U.E. la persona disabile deve essere in possesso di carta di soggiorno o permesso di soggiorno di lunga durata CE.

Tipi di intervento:
INTERVENTI GESTIONALI:
1. Percorsi di accompagnamento all’autonomia mediante voucher annuale pro capite fino ad un massimo di € 4.800 con la finalità di offrire alla persona disabile grave l’opportunità di sperimentarsi in situazioni concrete (es. palestra autonomia, …) e durante periodi di “distacco” dalla famiglia (es. week end di autonomia, vacanze, …). Il Voucher annuale pro capite è incrementabile di un valore annuo fino ad € 600 per assicurare sul contesto familiare attività di consulenza e/o di sostegno alle relazioni familiari, sia attraverso interventi alla singola famiglia, sia attraverso attività di mutuo aiuto.
2. Interventi di supporto alla residenzialità nelle forme di gruppi appartamento o soluzioni cohousing/ housing o comunità alloggio sociali secondo le caratteristiche previste dalla normativa e nelle seguenti modalità di gestione:
- residenzialità mediante Ente Gestore: riconoscimento di un Voucher fino ad € 500 mensili per persona che frequenta servizi diurni (CSE, SFA, CDD) o fino ad € 700 mensili per persona che NON frequenta servizi diurni (CSE, SFA, CDD);
- residenzialità autogestita da persone con disabilità che condividono un appartamento ed i costi per l’assistenza: riconoscimento di un contributo fino ad un massimo di € 600 mensili pro capite. Il contributo non può eccedere l’80% dei costi sostenuti.
- residenzialità autogestita di persone che vivono in alloggi di cohousing/housing: riconoscimento di un Buono mensile fino ad un massimo di € 700 pro capite, incrementato fino ad un massimo di € 900 pro capite in particolari situazioni di fragilità. Il contributo non può eccedere l’80% dei costi sostenuti.
3. Ricoveri di Pronto Intervento/Sollievo di situazioni in emergenza: riconoscimento di un contributo giornaliero pro capite fino ad € 100 per ricovero di pronto intervento, per massimo n. 60 giorni. Il contributo non può eccedere l’80% dei costi sostenuti.

INTERVENTI INFRASTRUTURALI:
1.    interventi di adeguamento per la fruibilità dell’ambiente domestico: riattamento degli alloggi, messa a norma di impianti, adattamenti domotici, telesorveglianza o teleassistenza. Contributo non superiore al 70% dei costi sostenuti.
2.    sostegno costi della locazione e spese condominiali: Contributo mensile fino a € 300,00, e comunque non superiore all’80% dei costi complessivi per unità abitativa, a sostegno del canone di locazione o contributo annuale fino ad un massimo di € 1.500,00, e comunque non superiore all’80% del totale per unità abitativa, a sostegno delle spese condominiali.

Reddito di accesso:
Non è previsto limite ISEE per l’accesso agli interventi del programma “Dopo di Noi”; tuttavia viene richiesto l’ISEE socio sanitario della persona disabile che costituirà elemento di valutazione per accesso prioritario ai sostegni del fondo e l’ISEE ordinario per la definizione del budget di progetto necessario alla realizzazione degli interventi.

Modalità di accesso al bando:
L’accesso al bando avviene previa presentazione di domanda, redatta su apposito modulo e corredata da tutta la documentazione necessaria per l’accesso agli interventi previsti e richiesta per la valutazione del caso, all’assistente sociale presso il proprio comune di residenza o presso la sede dei servizi sociali dell’Ambito Alto Sebino, Via del Cantiere 4 – Lovere (BG). oppure a mezzo mail sul modulo scaricabile sul sito www.cmlaghi.bg.it o sui siti dei comuni dell’Ambito, da inoltrare al seguente indirizzo: servizisociali@altosebino.cmassrl.it
Le istanze possono essere presentate:
•    dalle persone con disabilità e/o dalle loro famiglie o da chi ne garantisce la protezione giuridica;
•    dai Comuni, Associazioni di famiglie di persone disabili, Associazioni di persone con disabilità, Enti del Terzo Settore ed altri Enti pubblici o privati, preferibilmente in coprogettazione.

Indipendentemente dal soggetto che inoltra l’istanza, l’accesso ai sostegni avverrà sulla base di progettazioni individuali.

Si pubblica altresì il testo completo del bando e relativo volantino informativo, dove sarà possibile trovare tutte le ulteriori informazioni del caso, unitamente ai moduli per l’adesione in formato PDF.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento
17 February 2022